Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

MASSAGGIO CON LA QUARZITE ARGENTEA

MASSAGGIO CON LA QUARZITE ARGENTEA

Un rituale di fumigazione e canti mistici accompagnano questo efficace trattamento intensivo, che assume i tratti di un vero e proprio rituale.

 

L'inestimabile potere della quarzite argentea si armonizza con i benefici delle erbe aromatiche e degli olii caldi delle conifere.

 

Questo trattamento completo del corpo rinforza i tessuti connettivi, riequilibra il livello di acidità fisiologico, scioglie le tensioni muscolari, migliora la circolazione sanguigna e i processi digestivi, esercitando un effetto depurativo ed antinfiammatorio. 

 

Il massaggio porta ad un rilassamento profondo e allo stesso tempo si sperimenta una energia nuova.

 

 

AN PI MO MAI

AN PI MO MAI

An Pi Mo Mai è un trattamento che proviene dalla Medicina Tradizionale Cinese. Secondo la medicina empirica dell'Estremo Oriente i sintomi fisici e i disturbi psichici sono la conseguenza di squilibri energetici. 

Questi si manifestano nei meridiani come vuoto o blocco, come stagnazione del flusso e come mancato collegamento e integrazione. 

Questo trattamento ha lo scopo di ricondurre il corpo ad un armonico e dinamico fluire di energia. 

 

“Sentire il polso, osservare i colori, ascoltare i suoni e osservare il corpo, possono rivelare ove si trova la malattia”.

Gli strumenti diagnostici che utilizzo prima del trattamento sono, oltre al colloquio, l'osservazione della lingua, il “sentire il polso” e la diagnosi del lobo dell'orecchio. 

 

Il trattamento si compone di sfioramenti, tecniche di mobilizzazione della colonna e delle articolazioni, pressione con le dita sui punti agopunturali, utilizzo della moxabustione, corno di bufalo e magneti. 

 

La moxabustione è l'applicazione del calore, per mezzo di “sigari” o coni di artemisia, su punti specifici lungo i meridiani. Viene utilizzata nelle malattie croniche con eccesso di freddo o/e umidità. 

Una accurata scelta tra le 24 erbe preziose che propongo, sono un valido aiuto e sostengono il processo di guarigione. 

 

Alcune cicatrici possono disturbare il flusso di energia (Qi), sono dolorose al tatto ed impediscono il movimento fluido. Con questa tecnica, unita ad altre manipolazioni manuali, è possibile limitare o eliminare completamente questi disturbi. 

 

 

Indicazioni terapeutiche:

–   lombalgie, scialalgie, cervicobrachialgie, dolori articolari

–   disturbi digestivi e del colon come stipsi, colon irritabile

–   cefalea ed emicrania

–   alterazioni e disfunzioni  del ciclo mestruale

–   ipertensione arteriosa

–   disturbi funzionali di origine emozionale

–   tensioni mentali e muscolari

 

Naturalmente non occorre essere malati per sottoporsi ai trattamenti. La terapia rappresenta una cura preventiva, che mantiene l'energia psicofisica nel suo stato di equilibrio ottimale.

 

Le controindicazioni riguar­dano i casi di infezione, flebopatie, aneurismi, patologie tumorali.

 

 

 

 

Linfodrenaggio

Linfodrenaggio


Il drenaggio linfatico manuale, ideato da Vodder intorno agli anni 20, agisce sui vasi linfatici attivandone l'automatismo ed aiutando l'eliminazione del liquido interstiziale e della linfa.


La tecnica è costituita da una  pressione molto leggera sulla pelle e con un ritmo molto lento, rispettando la direzione di flusso della linfa verso le stazioni linfonodali.  

 

 

Indicazioni per il linfodrenaggio manuale:

 

  • edemi linfatici (di specie primaria e secondaria)
  • fleboedemi (a causa di stasi venose)
  • danni traumatici (ematoma, distorsione, fratture, strappamenti della fibra muscolare, lussazione, operazioni, bruciature)
  • conseguenze post-operatorie, dove è presente gonfiore
  • cura consecutive del cancro (per esempio dopo operazioni al seno con estrazione di linfoghiandole)
  • morbus Sudeck
  • cura di ferite, formazione di cicatrici o ulcerazioni
  • malattie reumatiche, infiammazioni croniche (sclerodomia, bronchite, raffreddore cronico...)
  • edemi di inattività (paralisi)
  • nevralgia del trigemino, parasi facciale

 

 

 Controindicazioni:

  • infiammazioni acute (ad esempio reazioni allergiche acute)
  • trombosi
  • edemi al seguito di insufficienza cardica
  • tumori non trattati



 

 

ZILGREI

ZILGREI


Il metodo Zilgrei nasce in Italia alla fine degli anni '70 dalla collaborazione del chiropratico Dr. Hans Greissing con la sua paziente Adriana Zillo, esperta insegnante di yoga.

Zilgrei è un sistema di autoterapia, un trattamento combinato tra  movimento/postura e respirazione, ispirato da alcuni elementi della medicina manuale classica, della terapia respiratoria e motoria, e dallo yoga.

Secondo la mia esperienza il metodo è veramente prezioso e ho potuto constatare la sua  efficacia nella cura del dolore cronico, quando praticato con regolarità.

 
ZILGREI È…. anche

 

prendere coscienza del proprio respiro e dei suoi effetti a livello fisico e psichico

 

prendere coscienza del proprio portamento –che è la risultante di predisposizione genetica, equilibrio strutturale dello scheletro, immagine del proprio io, stato psicofisico ( malattia, stress) , abitudini ( portare pesi, monolateralismo), attività fisica

 

prendere coscienza dei fattori stressanti e dei loro effetti su noi stessi e delle possibili soluzioni

 

imparare ad usare in modo semplice ma mirato e preciso le proprie risorse, per ripristinare e mantenere nel tempo il proprio equilibrio e stato di salute